Casa  /  Tutto · XNUMX€ contenuti di marketing  / Perché i proprietari di siti web non dovrebbero trascurare il content marketing

Perché i proprietari di siti web non dovrebbero trascurare il content marketing

contenuti-marketing

Il content marketing, e l’inbound marketing in generale, è diventato ultimamente uno degli strumenti di marketing più di tendenza. In un mondo in cui i nostri occhi sono addestrati a ignorare automaticamente banner e annunci pubblicati in rete, è nata la necessità di “reinventare la ruota” e guidare visitatori e potenziali clienti con altri mezzi.

Il concetto di base del content marketing è iniziare con i regali. Se dai, finirai per puzzare in cambio. Il marketing basato sui contenuti si concentra sulla creazione e distribuzione di contenuti pertinenti che offrano ai visitatori (un pubblico ben definito in anticipo) un valore reale per trasformarli in futuri clienti.
Il contenuto non deve necessariamente avere a che fare con i prodotti che vendi o con i servizi che offri, ma dovrebbe concentrarsi su argomenti rilevanti che potrebbero interessare i tuoi potenziali clienti.

Come abbiamo discusso in il nostro precedente post, molti operatori di marketing di affiliazione utilizzano il content marketing per generare profitti.

I contenuti possono essere offerti in diverse forme:

Un blog – Forse il modo più comune per pubblicare contenuti sul web tra i creatori di contenuti. Come il post che stai leggendo, ne abbiamo scritti tanti altri che trattano argomenti che avevamo deciso in anticipo o a cui abbiamo pensato fornendo i nostri servizi. Abbiamo pubblicato questi post a intervalli di diversi giorni.
In un blog puoi scrivere e spiegare cose, pubblicare manuali, approfondire casi di studio, fornire definizioni a un elenco di termini ecc. In seguito ti fornirò possibili fonti di idee, immagini, infografiche e simili.

Podcast – Interviste o trasmissioni preregistrate che di solito hanno a che fare con un determinato argomento o nicchia. Questi possono essere condotti in uno studio di registrazione o anche a casa con i partecipanti situati a grande distanza l'uno dall'altro. I podcast possono essere distribuiti tramite iTunes, SoundCloud e sul tuo sito web. Personalmente seguo regolarmente diverse serie di podcast (ascolto gli episodi mentre guido da e verso l'ufficio), ogni podcast può durare dai 20 ai 50 minuti. Affinché un podcast sia di alta qualità, oltre a fornire informazioni utili agli ascoltatori, è importante utilizzare apparecchiature di registrazione professionali e modificare ciascun podcast prima di pubblicarlo.

Brevi video – Se siete artisti che hanno la capacità di parlare fluentemente mentre vengono ripresi, potete produrre brevi video e pubblicarli sul vostro sito web, su YouTube, sui social network e su altre piattaforme. Tali video possono essere istruttivi, corsi gratuiti, interviste ecc.

Newsletter – Distribuire e-mail a intervalli regolari (settimanali/mensili ecc.) contenenti aggiornamenti rilevanti. È consigliabile fornire ai propri contatti contenuti di alta qualità e non solo notifiche riguardanti sconti o offerte speciali. Una mailing list deve essere mantenuta costantemente, è fondamentale raccogliere informazioni su quanti destinatari effettivamente aprono l'email che hai inviato loro e quanti di loro hanno cliccato sui link incorporati nella newsletter, tali informazioni ti permetteranno di prendere decisioni informate.

Infografica – Le infografiche sono un ottimo modo per offrire informazioni, numeri e dati in modo semplice e amichevole. UN infografica può includere grafici, mappe, schizzi, testi, ecc. Molti blogger e persone che navigano in rete amano condividere infografiche di alta qualità, rendendole un ottimo mezzo di distribuzione. La creazione di infografiche richiede investimenti sostanziali, compreso il lavoro dei grafici.

EBooks – Opuscoli e guide digitali, solitamente in formato PDF che possono essere scaricati o inviati via email. Un ottimo modo per raccogliere contatti è offrire un EBook o una guida gratuita a chi compila un modulo di contatto. Opuscoli ed eBook dovrebbero fornire valore reale e informazioni su di te o sulla tua organizzazione.

Perché vale la pena fare content marketing

Minimarca – Fatti considerare dagli altri un esperto nel tuo campo. Maggiore è la qualità del contenuto che offri, più sarà considerato una fonte di informazioni preziose. Quelli esposti al contenuto che offri arriveranno a considerare te e/o la tua organizzazione come esperti e torneranno sul tuo sito web più e più volte. Un marchio forte e di nicchia ti aiuterà a ottenere clienti a basso costo, nonché a essere citato e i tuoi servizi o prodotti consigliati in discussioni pertinenti.

I potenziali clienti conducono ricerche prima di decidere da chi acquistare – Utilizzando contenuti di alta qualità e ben promossi (sui motori di ricerca o con altri mezzi efficaci), puoi raggiungere potenziali clienti in una fase iniziale ma cruciale del funnel di acquisto. Nella fase di ricerca i potenziali clienti raccolgono informazioni relative alla fascia di prezzo, feedback o anche semplicemente vengono a conoscenza di ciò che accade nel tuo campo.

Una volta che tali potenziali clienti hanno visitato il tuo sito web, puoi continuare a “corteggiarli” utilizzando remarketing campagne che attirano nuovamente la loro attenzione nelle fasi successive lungo la canalizzazione di acquisto.
Un elenco per il remarketing ampio e ben strutturato è di per sé una risorsa preziosa, può essere utilizzato per aumentare le vendite dei prodotti esistenti, nonché per introdurne di nuovi e suscitare maggiore notorietà, rafforzando al contempo il nome del marchio.

I costi di marketing sono in aumento – Le campagne PPC stanno diventando sempre più costose. Se solo un paio di anni fa potevi pagare diciamo 2$ per clic per un determinato termine di ricerca in una campagna PPC di Adwords, potrebbe benissimo darsi che oggi lo stesso identico clic ti costerà 8$, 12$ o anche di più. Anche i prezzi per i clic sulle campagne PPC di Facebook sono aumentati in modo simile e possono raggiungere diversi dollari e anche di più quando si tratta di nicchie in cui la concorrenza è feroce. Il content marketing può fungere da fonte alternativa di traffico rilevante verso il tuo sito web, aumentando di conseguenza le vendite.

Gli utenti web tendono a ignorare gli annunci - Gli studi, sia quelli più vecchi che quelli più all’avanguardia, dimostrano che i nostri occhi si stanno abituando sempre più a ignorare banner e annunci testuali, questo fenomeno è stato tamponato”cecità banner".
Il lato positivo è che gli utenti web cercano sempre contenuti di alta qualità e quindi hai l'opportunità di coinvolgerli fornendo loro ciò che stanno cercando, rendendoli così più propensi a utilizzare i tuoi servizi ora o in futuro.

Aumentare il traffico – In generale, più contenuti di qualità fornisci, più traffico porterai al tuo sito web e più lead e vendite genererai. Contenuti di alta qualità significano maggiore condivisione e collegamenti in entrata naturali. Se, oltre a tutto questo, scegli di investire nella SEO, inclusa la creazione intelligente di backlink e aggiunta costante di contenuti, godrai di un posizionamento elevato su Google termini di ricerca coda lunga. Inoltre, riceverai traffico diretto: visitatori che digitano il tuo nome di dominio, utenti che aggiungono il tuo sito web ai segnalibri o il nome del tuo marchio su Google. Oltre ad aumentare il traffico, i buoni contenuti aiutano a migliorare i tassi di conversione, i visitatori impareranno a fidarsi del tuo sito web e questo alla fine porterà ad aumentare i profitti che genera.

Raccolta dei contatti della mailing list – Contenuti di alta qualità aiutano a raccogliere contatti e a creare una mailing list di persone interessate a te mantenendoli aggiornati. Coloro che si registrano per ricevere regolarmente la tua newsletter saranno lieti di ricevere e-mail da te che li informano di nuovi contenuti, di tanto in tanto (il tempismo e la frequenza corretti delle offerte sono cruciali) potresti lanciare una vendita e trarre profitto dai tuoi sforzi.

marketing dei contenuti di successo

Passaggi per la creazione di contenuti di alta qualità

Definisci i tuoi obiettivi – Il primo passo nella creazione di contenuti di alta qualità è definire gli obiettivi, ad esempio raccogliere contatti, aumentare la notorietà del tuo marchio o di un nuovo prodotto, ecc. Il contenuto che crei dovrebbe corrispondere agli obiettivi che persegui. Ad esempio: se possiedi un negozio online e il tuo obiettivo è aumentare le vendite, puoi scegliere di scrivere guide per gli acquirenti o recensioni di prodotti che puoi pubblicare sul tuo sito web o su altri siti che indirizzeranno potenziali clienti al tuo.

Caratterizza il tuo pubblico target – Analizza in anticipo di chi desideri attirare l’attenzione e dividi questo pubblico in gruppi o personaggi. Crea contenuti che il tuo pubblico target troverà rilevanti, adatta di conseguenza l'essenza del contenuto, il linguaggio e i termini professionali che utilizzi.

Scegli Argomenti – Stila un elenco di possibili argomenti di cui scrivere o parlare. Successivamente discuterò dei modi e degli strumenti che puoi utilizzare per aiutarti a trovare nuovi argomenti su base regolare.

Lavora secondo un orario preimpostato – Stabilisci un calendario (con un mese o due in anticipo) specificando le date in cui pubblicherai contenuti su argomenti specifici dall'elenco di argomenti che hai redatto.

Assegnare tempo e risorse – Creare contenuti di alta qualità richiede impegno. Se non dedichi tempo alla scrittura (o alla realizzazione di video, registrazioni di interviste, ecc.) non sarai in grado di far andare avanti le cose a lungo. La frequenza con cui potrai pubblicare nuovi contenuti sarà impostata in base alla quantità di tempo e risorse che puoi destinare alla creazione di nuovi contenuti di alta qualità.

Pubblica i tuoi contenuti su diverse piattaforme – È arrivato il momento di pubblicare? Oggi ci sono moltissime piattaforme su cui puoi pubblicare i tuoi contenuti. Due dei più importanti sono Outbrain e Taboola. Puoi anche pubblicare i contenuti che hai creato senza l'uso di campagne PPC, ciò avviene condividendo sui social network, inviando una newsletter ecc. Approfondirò ulteriormente l'argomento su dove pubblicare in seguito.

Analisi delle prestazioni – Una volta pubblicato il contenuto, è il momento di scoprire quanto bene funziona. I numeri che ti aiuteranno a farlo sono: Visitatori unici (visitatori che non sono mai entrati prima nel tuo sito web), avanzamenti nel ranking di Google per termini di ricerca a coda lunga, numero di condivisioni sui social network, tempo medio trascorso sul sito, tasso di conversione, lead, vendite, ecc.
Puoi usare Google Analytics per ottenere alcuni dei parametri sopra menzionati e quindi ottimizzare i tuoi contenuti di conseguenza.


Fare clic sull'immagine per aprire la versione interattiva (tramite
Marketing dei contenuti per l'e-commerce).

Di cosa dovrei scrivere? 8 strumenti e modi per aiutarti a creare un elenco di argomenti interessanti.

Buzzsumo – Un ottimo strumento che ti consente di digitare un argomento e ottenere un elenco degli elementi correlati ai contenuti più popolari, compresi quelli che sono diventati virali. Potrai sapere per ogni contenuto quanti spettatori hanno scelto di condividerlo e su quale social network, nella versione ad accesso completo puoi ottenere i dati relativi a chi ha condiviso e chi ha inoltrato un collegamento. Esaminando i titoli e visualizzando diversi elementi di contenuto otterrai idee per argomenti tuoi.

buzzsumo.com
buzzsumo.com

SEMRush – Principalmente uno strumento per l'analisi della concorrenza, ma se inserisci un argomento come frase di ricerca otterrai un elenco di altri argomenti rilevanti che potrebbero darti idee o fungere da sottotitoli. Puoi anche incorporare le frasi di ricerca fornite nei tuoi contenuti per ottimizzarli per scopi SEO, ne parlerò più avanti.

semrush.com
semrush.com

Google suggerisce – Cerca il tuo argomento su Google. Oltre ai titoli e alle descrizioni sulla prima e sulla seconda pagina dei risultati di ricerca, puoi ottenere idee e suggerimenti pubblicati nella parte inferiore della pagina dei risultati di ricerca.

google-suggerisce

Nella parte inferiore della pagina dei risultati di ricerca:

Ricerche correlate

Gruppi e forum di Facebook – Un altro ottimo modo per scoprire ciò che interessa a tutti e su cui vogliono saperne di più è diventare membri di gruppi Facebook pertinenti
Search Console: se il tuo sito web contiene già contenuti che i visitatori trovano su Google, puoi scoprire quali erano le loro esatte frasi di ricerca e ottenere idee per nuovi contenuti.

Google Keyword Planner – Utilizza il pianificatore di parole chiave di Google Adwords per trovare altre parole chiave pertinenti e ricavare da esse argomenti per nuovi contenuti.

Google Trends – Un ottimo modo per sapere quanto è “frizzante” l'argomento che hai scelto e quali frasi di ricerca si riferiscono ad esso.

concorrenti – Scopri di cosa scrivono i tuoi concorrenti o colleghi e trova nuove idee, molti sottotitoli possono servire come argomenti per i post se li approfondisci ulteriormente.

Come creare contenuti di alta qualità

Quindi la domanda è: come iniziare? Dopo aver messo insieme un elenco di argomenti e un calendario per la pubblicazione di contenuti su questi argomenti, è il momento di immergersi e iniziare a creare il contenuto stesso.

Intestazioni e sottotitoli – Una volta scelto l’argomento principale comincio personalmente a costruire un post scrivendo le intestazioni. Una volta che ho 3-6 intestazioni relative all'argomento principale, passo alla formulazione del titolo principale. Ovviamente puoi farlo al contrario, iniziare con il titolo principale e continuare con i sottotitoli e gli esempi.
È estremamente importante diffondere i contenuti in modo ordinato, utilizzare la punteggiatura corretta e guardare le cose dal punto di vista del visitatore. A nessuno piacciono i paragrafi lunghi e densi con frasi infinite. Rendi i tuoi contenuti gradevoli e amichevoli.

Tenere presente: I visitatori tipici scorreranno il tuo post, prenderanno i sottotitoli e leggeranno frammenti di testo che attirano la loro attenzione. Se i tuoi sottotitoli sono interessanti e ben scritti è probabile che i visitatori rimangano e leggano di più (l'intero post o almeno le parti che li interessano di più). Se i sottotitoli non sono aggiornati, i visitatori abbandoneranno rapidamente il post o addirittura il tuo sito web.

Titolo principale – Il titolo principale è come la vetrina del tuo post o la padrona di casa di un ristorante il cui compito è attirarti e trovarti un posto. La formulazione dei titoli principali è un argomento a sé stante per un post. Per il momento ecco alcuni consigli:
– I titoli contenenti un numero dispari di parole ottengono risultati migliori di quelli con un numero pari
– Esprimi il tuo titolo sotto forma di domanda
– I titoli con negativi funzionano meglio di quelli senza
– Rivolgiti al tuo pubblico target nel titolo

Introduzione e riepilogo – È consigliabile iniziare ogni post con un'introduzione che descriva cosa ti ha spinto a scrivere il post; potresti anche iniziare raccontando qualche tipo di storia che attirerà l'attenzione dei lettori e consentirà loro di "farsi un'idea" del post.
In fondo al post aggiungi alcune righe che riassumono i punti principali del post che hai scritto, cose che suggerisci ai lettori di prendere nota e ricordare.

Un'immagine principale – Proprio come il titolo principale, l’immagine principale gioca un ruolo importante nel convincere i visitatori a fare clic sul collegamento al tuo post. Le immagini principali sono più importanti sui social network (Facebook in testa) dove il collegamento è solitamente accompagnato da un'immagine nel feed. Le immagini sono importanti anche negli annunci e nelle piattaforme per la distribuzione di contenuti come Outbrain e Taboola.
Alcuni consigli di Outbrain riguardo alla scelta di un'immagine principale:
– I primi piani funzionano meglio delle immagini di persone impegnate in un’attività
– Utilizza immagini che mostrino le persone con cui il tuo pubblico target può identificarsi
– Le immagini della vita reale funzionano meglio delle illustrazioni

Infografica – Le infografiche sono un ottimo modo per visualizzare contenuti o riassumerne parti in modo gradevole e amichevole. Nella maggior parte dei casi, anche se i tuoi contenuti sono di altissima qualità, gli spettatori ne leggeranno solo parti o scorreranno i sottotitoli e guarderanno le immagini. Se utilizzi infografiche nel tuo post (dato che è una cosa relativamente unica da fare), le probabilità che i visitatori rimangano sul tuo sito web aumenteranno notevolmente. Inoltre, se hai creato un'infografica di alta qualità, è probabile che i blogger la condividano nei loro post e aggiungano un credito che ti raffigura come creatore.

Esistono molti siti Web che offrono l'assimilazione di infografiche utilizzando un po' di codice HTML per garantire la visualizzazione di un credito. Puoi utilizzare tali siti Web per convincere le persone a condividere l'infografica che hai creato (come ho fatto con le infografiche sopra) o per fornire un po' di codice HTML che consenta ai blogger di condividerla.

Immagini ed esempi – Incorpora immagini ed esempi nel tuo testo, screenshote qualsiasi altra cosa che possa aiutare i lettori a capire ciò di cui hai scritto. Mentre un lettore scorre il tuo post, la sua attenzione si concentrerà sulle immagini (proprio come accade con le infografiche) e queste immagini lo aiuteranno a decidere se soffermarsi e leggere di più.
Guide e spiegazioni di alta qualità devono includere schermate o videoclip dettagliati che mostrino le fasi coinvolte nel processo che stai descrivendo. Nei post con testo lungo è altamente consigliabile incorporare immagini interessanti che servano da intervalli rinfrescanti per i lettori che sono esposti a così tante parole. Scopri di più sull'acquisto di immagini e sulla ricerca di immagini gratuite di alta qualità.

Gli esempi non devono essere solo immagini, quelli scritti servono anche ad aiutare i lettori a sapere se comprendono appieno ciò che stai dicendo.

Promozione di argomenti di interesse e uso intelligente di parole chiave e frasi – Il tuo testo dovrebbe includere parole chiave e frasi rilevanti per l'argomento di cui stai scrivendo. Utilizza lo strumento di pianificazione delle parole chiave di Google e gli altri strumenti sopra menzionati per creare un elenco di termini che dovresti incorporare naturalmente nel testo. I testi che includono una nuvola semantica di termini e frasi professionali avranno risultati migliori nei risultati di ricerca e aiuteranno Google a capire di cosa tratta il tuo sito web.

OTTIMIZZAZIONE – Identificare parole e frasi chiave è solo la prima parte del processo di ottimizzazione. Mentre scrivi o una volta finito assicurati di aver incorporato le parole e le frasi presenti nell'elenco che hai stilato, controlla che appaiano con naturalezza e con una densità adeguata (non usare parole e frasi chiave in modo forzato su ogni altra frase, scrivi come naturalmente possibile). Un'altra questione importante è fornire meta tag: creare un aspetto seducente Titolo per attirare i visitatori (nella maggior parte dei casi il contenuto del meta tag Titolo sarà identico al titolo principale del post). Il meta tag Titolo dovrebbe includere la parola/frase chiave più importante. Scrivere un meta description che contribuirà ad aumentare il numero di voci che ottieni (migliorando il tasso di clic - CTR), vale a dire che un numero maggiore di coloro che cercano e trovano il tuo post insieme a collegamenti ad altri contenuti simili ti sceglieranno rispetto alla concorrenza (il meta tag description non influiscono sul posizionamento del tuo sito web nei risultati di ricerca di Google). Se hai un sito web basato su WordPress puoi utilizzare il file Plugin SEO Yoast.

Contenuti sempreverdi – Creare contenuti “evergreen”, contenuti che rimarranno rilevanti per sempre o almeno per molto tempo. Contrariamente alle notizie o ai post sulle tendenze fugaci, le persone continueranno a cercare contenuti sempreverdi, anche i motori di ricerca adorano tali contenuti.
Citazioni e collegamenti: utilizza citazioni e collegamenti (che si aprono in una nuova scheda) per aumentare l'affidabilità dei tuoi contenuti e fornire più valore a coloro che li leggono.

Lettura di prova – una volta finito di scrivere, leggi il post ed elimina tutti gli errori di battitura, ortografia e punteggiatura.

Consenti commenti e feedback – Ricorda che i commenti diventano parte dei tuoi contenuti. Molti visitatori potrebbero effettivamente iniziare leggendo i commenti e da lì passare al corpo principale del testo (un comportamento simile è comune sui social network). Se i lettori ti fanno domande, richiedono maggiori informazioni o addirittura sollevano argomentazioni contro ciò che hai scritto, assicurati di rispondere. Se ricevi elogi e feedback di tipo "pollice in su", assicurati di ringraziare.

Quanto dovrei scrivere?

Uno studio condotto da SerpIQ in lunghezze di contenuti e il loro posizionamento su Google ha mostrato i seguenti risultati:

Credito: SerpIQ
Credito: SerpIQ

Ciò significa che i primi risultati di ricerca di Google sono pagine con circa 2,500 parole e questo numero diminuisce man mano che si avanza nell'elenco dei risultati di ricerca.
Ciò non significa che i siti web con poco testo non possano conquistare un posizionamento elevato (ci sono molti altri parametri nell'algoritmo di ricerca di Google), ma i risultati dello studio mostrano chiaramente che Google preferisce contenuti relativamente lunghi e di alta qualità.

Modi per distribuire i tuoi contenuti

Una volta che hai finito di scrivere e modificare i tuoi contenuti, è il momento di distribuirli.

Outbrain – Una piattaforma per la distribuzione dei contenuti che li offre come ulteriore lettura alla fine degli articoli sui siti Web di contenuti e notizie. Una volta registrato puoi caricare i link ai tuoi post e fissare un prezzo per clic (o scegliere che il prezzo venga impostato automaticamente). Puoi modificare l'immagine e il titolo del teaser. È una buona idea condurre test A/B e provare diversi titoli e immagini per vedere quale produce il miglior CTR (percentuale di clic). I collegamenti ai tuoi post appariranno nei principali siti Web di contenuti, non potrai sceglierne uno ma puoi escludere i siti Web da un elenco di quelli in cui vengono offerti i tuoi contenuti. Il budget giornaliero minimo è di 10$, puoi interrompere la campagna in qualsiasi momento.

outbrain.com
outbrain.com

Taboola – Un'altra piattaforma di distribuzione di contenuti simile a Outbrain.

taboola.com
taboola.com

Condivisione sui social network – Aggiungi pulsanti di condivisione ai tuoi post. Puoi posizionarli all'inizio, alla fine o come barre mobili. Se hai un sito web basato su WordPress, ecco dove puoi trova consigli per i plugin dei pulsanti di condivisione.

Pubblicità a pagamento sui social network – Una volta pubblicato il tuo post sulla pagina Facebook della tua attività, ti consigliamo di eseguire campagne a pagamento per promuovere il tuo post e raccogliere clic, questo è meglio che potenziare la stessa pagina Facebook aziendale.
Crea un pubblico target pertinente (filtra per titolo professionale, interessi, età, posizione geografica, ecc.) e lancia la campagna con un budget a tua scelta.

Gruppi di reti sociali – Siete membri attivi di gruppi di social network pertinenti al vostro campo? Condividere il tuo post su tali gruppi può portare rapidamente molti visitatori al tuo sito web ed esporre lo stesso o il tuo blog a persone che potrebbero diventare visitatori abituali.
Non è sempre necessario condividere un post che hai scritto. Potresti scoprire che i visitatori pongono domande come commenti ad altri post offrendoti l'opportunità di indirizzarli a un altro tuo post pertinente anziché fornire una lunga risposta.

Rete Display di Google  – Anche pubblicare i tuoi contenuti sulla rete multimediale (GDN) può generare molte voci a basso costo.

Gestione SEO – I collegamenti da altri blog e siti Web ti aiuteranno a far avanzare il tuo post nei risultati di ricerca di Google e quindi a ricevere più visualizzazioni e visitatori unici.

Newsletter – Distribuisci il contenuto che hai creato ai membri di una mailing list per convincere le persone a visitare nuovamente il tuo sito web. Un effetto collaterale benefico di questa operazione è che i destinatari inoltrano il contenuto che hai inviato ai colleghi che potrebbero quindi visitare il tuo sito web per la prima volta.

Esempi di aziende che si impegnano attivamente nel content marketing

HubSpot – Se hai cercato su Google argomenti relativi alle vendite e al marketing, molto probabilmente ti sei imbattuto nei post di Hubspot, gestiscono due blog: Blog di vendita più Blog di marketing, distribuiscono anche un eBook, infografiche e podcast. HubSpot è senza dubbio una delle migliori aziende da cui apprendere il content marketing.

Moz – Una delle principali fonti di contenuti per gli specialisti SEO. Un sito Web veterano con un blog ben consolidato contenente contenuti che vengono aggiornati estremamente frequentemente (dato il campo dinamico in cui sono obbligatori).

HubStaff – Uno strumento per la gestione a distanza. Questa azienda crede nella trasparenza (rivelano tutti i loro dati finanziari qui). Sul loro blog discutono argomenti rilevanti per SaaS (software as a service), canalizzazioni di conversione, gestione dei progetti, team di dipendenti, ecc. Ecco un esempio di un loro post su come misurano il ROI del loro content marketing.

Buffer – È impossibile parlare di content marketing senza menzionare Buffer. Lo strumento che hanno sviluppato consente la distribuzione intelligente dei post di stato sui social network in modo semplice e nei tempi ideali. Proprio come HubStaff, anche Buffer abbraccia la trasparenza gestire tre blog efficaci sui social media, sulla trasparenza dei dati e sull'etica del lavoro, sull'IT e sulla tecnologia.

In conclusione, il content marketing deve svolgere un ruolo nella strategia di marketing di qualsiasi azienda con visibilità su Internet. I contenuti di alta qualità sono una risorsa, investire nella creazione di tali contenuti produrrà rendimenti elevati a lungo termine. Un ulteriore vantaggio è lo sviluppo personale, migliorerai la tua abilità di scrittura, imparerai e acquisirai informazioni ogni volta che scrivi un nuovo post. Lavora secondo le linee guida fornite in questo post. con un adeguato impegno e un po' di pazienza, otterrete ottimi risultati. Brindiamo al successo del tuo content marketing. 🙂

Imprenditore altamente dedicato, co-fondatore di Poptin e Ecpm Digital Marketing. Nove anni di esperienza nel campo del marketing digitale e della gestione di progetti Internet. Laureato in Economia presso l'Università di Tel Aviv. Un grande appassionato di A/B testing, ottimizzazione delle campagne SEO e PPC, CRO, growth hacking e numeri. Ama sempre testare nuove strategie e strumenti pubblicitari e analizzare le ultime start-up.